Sonno polifasico: questo fantastico stile di vita che ti permette di restare sveglio 22 ore al giorno!

Pubblicato su
di Emma Moretti

Potresti averne già sentito parlare sonno polifasico, questo stile di vita che ti permetterebbe di rimanere sveglio 22 ore al giorno riducendo drasticamente le tue esigenze di sonno. Ma cos’è esattamente il sonno polifasico? È davvero possibile fare a meno di una notte di riposo completo? In questo articolo esploriamo le basi di questa pratica e i diversi possibili ritmi del sonno polifasico.

Cos’è il sonno polifasico?

Il termine di sonno polifasico designa un insieme di ritmi del sonno in cui il riposo notturno è sostituito da numerosi brevi pisolini distribuiti nell’arco dell’intera giornata. L’idea alla base di questo approccio è ridurre al minimo indispensabile il tempo trascorso a riposare, massimizzando al contempo i periodi di veglia per essere più produttivi.

Mentre la maggior parte degli adulti dorme tra le 7 e le 9 ore ogni notte, chi pratica il sonno polifasico afferma di riuscire a cavarsela con poche ore di sonno suddivise in più brevi fasi, liberando fino a 22 ore di disponibilità ogni giorno.

Leggi anche :  8 consigli per affrontare gli esami scolastici con serenità e benessere

Le origini del sonno polifasico

Sebbene il concetto di sonno polifasico possa sembrare recente o audace, in realtà è praticato da alcune culture da secoli. Ad esempio, nell’antica Grecia e a Roma, era comune alzarsi nel cuore della notte per pregare o meditare prima di tornare a letto per qualche ora. Più recentemente, anche alcuni autori famosi hanno adottato un ritmo del sonno polifasico, come Leonardo da Vinci, Thomas Edison e Nikola Tesla.

Sonno polifasico: questo stile di vita che ti permette di restare sveglio 22 ore al giorno!
Sonno polifasico: questo stile di vita che ti permette di restare sveglio 22 ore al giorno!

I diversi ritmi del sonno polifasico

Esistono diversi modi per organizzare il sonno polifasico, a seconda dei tuoi obiettivi e del tuo programma. Ecco i principali schemi di sonno polifasico che puoi esplorare:

1. Il ritmo di Uberman

Questo schema di sonno prevede di fare sei sonnellini da 20 a 30 minuti ogni quattro ore durante il giorno. I seguaci del ritmo Uberman affermano di dormire solo due ore al giorno, lasciando loro fino a 22 ore a disposizione per le attività.

Leggi anche :  Caffè ai cereali, l'alternativa dimagrante alla caffeina per una pancia piatta

2. Il ritmo dell’uomo comune

Il sonno di tutti è una versione meno estrema del sonno di Uberman, con tre o quattro sonnellini da 20 minuti ciascuno e un “nucleo” di sonno più lungo di tre o quattro ore, solitamente effettuato durante la notte. Questo ritmo offre quindi una maggiore flessibilità, soprattutto per chi ha bisogno di stare sveglio durante la notte per lavorare o studiare.

3. Il ritmo Dymaxion

Inventato dall’ingegnere e architetto americano Buckminster Fuller, il sonno Dymaxion prevede quattro sonnellini di 30 minuti ciascuno distanziati di cinque ore e mezza l’uno dall’altro. I seguaci di questo stile di vita dormono quindi solo due ore al giorno.

I benefici del sonno polifasico

Il vantaggio principale del sonno polifasico è ovviamente la possibilità diaumentare significativamente le ore di veglia : dormendo meno ma più frequentemente, puoi rimanere sveglio fino a 22 ore al giorno. Ciò fornisce tutto il tempo per realizzare più cose e sfruttare al massimo ogni giorno.

Alcuni professionisti sostengono inoltre che questo tipo di sonno aumenta la concentrazione e la creatività poiché ogni fase di riposo è seguita da un aumento di energia. Inoltre, se il sonno polifasico imita alcuni aspetti del ritmo naturale del nostro corpo – come quello di un micro-pisolino dopo pranzo – potrebbe anche avere effetti benefici sulla nostra salute fisica e mentale a lungo termine.

Leggi anche :  Modi efficaci per eliminare definitivamente le occhiaie

Gli svantaggi e i rischi del sonno polifasico

Nonostante i suoi potenziali benefici, il sonno polifasico presenta anche diverse sfide e rischi per il nostro organismo:

  • Difficoltà di adattamento : Passare dal sonno monofasico al ritmo polifasico rappresenta un passaggio impegnativo per il nostro organismo, che deve abituarsi a periodi di riposo più brevi e superficiali. Questo adattamento può richiedere diverse settimane o addirittura mesi e portare ad affaticamento, difficoltà di concentrazione o irritabilità durante la fase di transizione.
  • Mancanza di sonno : Dormire meno può sembrare attraente sulla carta, ma può anche portare ad una mancanza cronica di sonno se le fasi di riposo non sono sufficientemente ristoratori. La privazione prolungata del sonno può avere effetti dannosi sulla nostra salute fisica e mentale, da un sistema immunitario indebolito a un aumento del rischio di disturbi psichiatrici.
  • Incompatibilità con gli obblighi sociali e professionali : Adottare uno stile di vita polifasico non sempre è compatibile con le nostre attività quotidiane (lavoro, studio, relazioni sociali). Può essere difficile trovare il tempo e lo spazio per fare un pisolino regolarmente senza interruzioni.
Foto dell'autore
Informazioni sull'autore, Emma Moretti
Emma è un'autrice affascinata dall'attualità in tutte le sue forme, con un interesse particolare per l'esoterismo e la psicologia. I suoi scritti esplorano come gli eventi mondiali si intrecciano con i misteri della mente umana. Dotata di un talento per decifrare le sfumature sottili dell'attualità e collegarle a concetti psicologici ed esoterici, Emma offre ai suoi lettori prospettive uniche e approfondite. Si distingue per la sua capacità di rendere l'attualità e i temi complessi accessibili e avvincenti, condividendo con entusiasmo le sue scoperte e analisi per illuminare un vasto pubblico.
Pagina principale » Notizie » Sonno polifasico: questo fantastico stile di vita che ti permette di restare sveglio 22 ore al giorno!