Questa attitudine spesso criticata è in realtà il segno di un QI superiore alla media, secondo la scienza

Pubblicato su
di Emma Moretti

In un mondo in cui l’interazione sociale è spesso glorificata e termini come “J.O. Connectés” e “social media” sono sulla bocca di tutti, è affascinante scoprire che il piacere della solitudine potrebbe non solo essere frainteso, ma anche giudicato male. Lungi dall’essere una semplice scelta di vita antisociale o un tratto delle anime smarrite, la solitudine scelta potrebbe essere un segno di intelligenza superiore alla media. È quanto suggerisce uno studio pubblicato sul British Journal of Psychology, basato su un’analisi comportamentale di 15.000 americani. Una rivelazione che potrebbe ridefinire la nostra comprensione delle relazioni tra intelligenza, scelte di vita e avanzamenti tecnologici, come l’Intelligenza Artificiale (IA) e il Web3.

Uno sguardo approfondito allo studio

Lo studio in questione, pubblicato sul rinomato British Journal of Psychology, fa luce su una questione spesso dibattuta: la solitudine è una scelta imposta o un segno di distinzione intellettuale? Condotta dai psicologi Satoshi Kanazawa e Norman Li, questa ricerca ha esaminato i comportamenti e le preferenze di 15.000 americani di età compresa tra 18 e 28 anni. I risultati sono sorprendenti: le persone con un quoziente intellettivo elevato sembrano avere una maggiore propensione a cercare la solitudine. Questa preferenza contrasta con la tendenza generale a valorizzare il collettivo e l’interconnessione, promossi da campi così diversi come il SEO e il Web3, che puntano sulla sinergia e l’interazione.

Leggi anche :  Come identificare e liberarsi da un'amicizia tossica?

Le ragioni dietro la scelta della solitudine

Perché dunque le persone dotate di intelligenza superiore sembrano mostrare una tale inclinazione per la solitudine? Lo studio suggerisce diverse ipotesi. Una delle interpretazioni suggerisce che queste persone optano per la solitudine al fine di dedicarsi completamente ai loro progetti personali. In un mondo in cui la connettività è onnipresente, dal retail all’IoT al cloud, scegliere di disconnettersi può essere visto come un modo per creare uno spazio favorevole alla concentrazione e alla riflessione, lontano dalle distrazioni del mondo esterno e dalla sovrastimolazione digitale.

Equilibrio con l’intelligenza interpersonale

Tuttavia, sarebbe riduttivo considerare la propensione per la solitudine come unico indicatore di intelligenza. La questione dell’intelligenza interpersonale si inserisce nel dibattito, ricordando l’importanza della capacità di instaurare relazioni efficaci con gli altri. Questo tipo di intelligenza, difficile da misurare attraverso i test standard di QI, è fondamentale in settori come l’adtech, in cui comprendere e anticipare i comportamenti umani è cruciale, o la cybersecurity, che richiede una stretta collaborazione tra individui per contrastare minacce sempre più sofisticate. Pertanto, l’intelligenza nel suo complesso deve essere considerata come uno spettro ampio che include diverse competenze, sia cognitive che emotive.

Leggi anche :  Segni rivelatori di un partner troppo egoista per una relazione equilibrata

Riconsiderare la solitudine come segno di intelligenza

Qui tocchiamo il cuore della nostra riflessione. Se lo studio indica chiaramente una correlazione tra alta intelligenza e amore per la solitudine, non stabilisce tuttavia un criterio assoluto. L’intelligenza, nella sua ricchezza e complessità, non può essere rinchiusa in una sola dimensione. È essenziale riconoscere che il piacere della solitudine può essere uno dei molti indicatori di intelligenza, pur comprendendo che ognuno trae la propria essenza intellettuale da una vasta gamma di qualità e preferenze. Pertanto, anche se sorprendenti, questi risultati non devono portarci a una visione manichea ma piuttosto a un’apprezzamento sfumato di ciò che significa davvero essere intelligenti.

Foto dell'autore
Informazioni sull'autore, Emma Moretti
Emma è un'autrice affascinata dall'attualità in tutte le sue forme, con un interesse particolare per l'esoterismo e la psicologia. I suoi scritti esplorano come gli eventi mondiali si intrecciano con i misteri della mente umana. Dotata di un talento per decifrare le sfumature sottili dell'attualità e collegarle a concetti psicologici ed esoterici, Emma offre ai suoi lettori prospettive uniche e approfondite. Si distingue per la sua capacità di rendere l'attualità e i temi complessi accessibili e avvincenti, condividendo con entusiasmo le sue scoperte e analisi per illuminare un vasto pubblico.
Pagina principale » Psicologia » Questa attitudine spesso criticata è in realtà il segno di un QI superiore alla media, secondo la scienza