Nel riso si nasconde una tossina, ecco come eliminarla facilmente

Pubblicato su
di Emma Moretti

Nella nostra dieta quotidiana, il riso è un elemento importante, apprezzato per la sua versatilità gastronomica e il suo apporto energetico. Tuttavia, recentemente è stato scoperto che nei chicchi di riso si nasconde una tossina che può nuocere alla nostra salute se non adeguatamente eliminata.

Questo articolo ti farà conoscere questa tossina, chiamata arsenico, e ti darà alcuni semplici consigli per eliminarla efficacemente durante la preparazione e la cottura del riso.

Cos’è l’arsenico e perché è presente nel riso?

L’l’arsenico è un elemento chimico, presenti naturalmente nei suoli e nelle falde acquifere, ma provenienti anche dall’attività umana (industria, agricoltura). È una sostanza tossica per gli esseri viventi.

Leggi anche :  Questo yoga poco conosciuto può aiutare a migliorare il sonno e la memoria in soli 20 minuti al giorno, secondo uno studio

Il riso, essendo una pianta acquatica, assorbe l’arsenico in misura maggiore rispetto ad altre colture e lo immagazzina principalmente in acqua guaine di chicchi di riso. Ciò significa che una parte significativa dell’arsenico contenuto nel terreno dove cresce il riso può finire direttamente nei nostri piatti ed esponerci ad alcuni rischi per la nostra salute.

Rischi associati all’esposizione regolare all’arsenico

Sebbene a esposizione occasionale all’arsenico contenuto nel riso non rappresenta un grave pericolo per la salute, il consumo regolare di grandi quantità di questo alimento può causare rischi a lungo termine. L’esposizione cronica a basse dosi di arsenico può causare:

  • Condizioni della pelle (iperpigmentazione, cheratosi)
  • Problemi cardiovascolari
  • Alterazione del sistema nervoso
  • Un indebolimento del sistema immunitario
  • Un aumento del rischio di diabete
  • Un aumento del rischio di sviluppare alcuni tumori (pelle, polmoni, vescica, reni)

Come ridurre la presenza di arsenico nel riso?

Sapendo che l’arsenico è inevitabilmente presente nel riso, è quindi fondamentale imparare a controllarlo e a ridurre il più possibile il contenuto di arsenico nei nostri alimenti. Ecco alcuni semplici consigli da implementare per raggiungere questo obiettivo:

Leggi anche :  Questo yoga poco conosciuto può aiutare a migliorare il sonno e la memoria in soli 20 minuti al giorno, secondo uno studio

1. Scegli saggiamente il riso che acquisti

Tutti i il riso non sono uguali di fronte alla contaminazione da arsenico. In particolare, il riso integrale contiene più arsenico del riso bianco, perché parte della tossina si trova nel suo rivestimento esterno. Il riso coltivato in Asia e in Europa presenta generalmente concentrazioni inferiori rispetto a quello di altre regioni del mondo.

2. Lavare bene il riso prima della cottura

Un buon primo passo per eliminare parte dell’arsenico è quello di sciacquare accuratamente il riso in acqua fredda, finché l’acqua che fuoriesce risulta limpida. Infatti si possono così eliminare le impurità presenti sulla superficie dei chicchi.

3. Utilizzare un rapporto acqua-riso più elevato durante la cottura

Contrariamente alle solite raccomandazioni per la cottura del riso “parboiled” con un volume d’acqua equivalente al volume del riso, è preferibile optare per un rapporto acqua-riso più elevato (ad esempio 5 o 6 volumi d’acqua per 1 volume di riso) in modo da sciogliere altro arsenico nell’acqua di cottura. A fine cottura basterà scolare bene il riso.

Leggi anche :  Secondo la scienza, questi sono i chilometri che dovresti percorrere ogni giorno per snellire la tua figura

4. Cuocere il riso come la pasta

Un altro metodo molto efficace è quello cuocere il riso come la pasta, cioè utilizzando abbondante acqua bollente salata, nella quale immergerete i chicchi di riso già lavati. A cottura ultimata sarà sufficiente scolare il riso utilizzando un colino a maglie fitte. Questo metodo riduce significativamente il contenuto di arsenico nel riso.

5. Varia le fonti di cereali nella tua dieta

Un buon modo per ridurre complessivamente l’esposizione all’arsenico tramite il riso è semplicemente farlo diversificare le fonti di cereali nella dieta. Ci sono molte altre opzioni deliziose e nutrienti, come la quinoa, il miglio, il grano saraceno o la pasta e semola di grano duro o altri cereali.

Per andare oltre: limitare l’assunzione di altri alimenti potenzialmente contaminati dall’arsenico

È bene precisare che il riso non è l’unico alimento che può contenere tracce di arsenico. Anche altri alimenti, come alcuni succhi di frutta, prodotti ittici e persino alcune acque minerali, possono contenere livelli elevati di questa tossina.

In questo contesto, potrebbe essere saggio informarsi sulla qualità dei prodotti che si consumano e prendere precauzioni quando li si acquista o si consuma regolarmente.

Essere consapevoli della presenza di arsenico nel riso, scegliere la varietà giusta, adottare buone pratiche per lavarlo e spellarlo e diversificare la propria dieta sono tutte soluzioni semplici per eliminare facilmente questa tossina dalla nostra vita quotidiana.

Foto dell'autore
Informazioni sull'autore, Emma Moretti
Emma è un'autrice affascinata dall'attualità in tutte le sue forme, con un interesse particolare per l'esoterismo e la psicologia. I suoi scritti esplorano come gli eventi mondiali si intrecciano con i misteri della mente umana. Dotata di un talento per decifrare le sfumature sottili dell'attualità e collegarle a concetti psicologici ed esoterici, Emma offre ai suoi lettori prospettive uniche e approfondite. Si distingue per la sua capacità di rendere l'attualità e i temi complessi accessibili e avvincenti, condividendo con entusiasmo le sue scoperte e analisi per illuminare un vasto pubblico.
Pagina principale » Notizie » Nel riso si nasconde una tossina, ecco come eliminarla facilmente