Lavastoviglie: risparmia davvero energia evitando di attivare questa funzione!

Pubblicato su
di Emma Moretti

La lavastoviglie è uno degli elettrodomestici più utilizzati nelle nostre cucine. Ci consente di risparmiare tempo ed energia rispetto ai metodi tradizionali di lavaggio delle mani. Tuttavia, tieni presente che alcune impostazioni di questo dispositivo possono comportare un consumo di energia molto maggiore di quello effettivamente necessario.
In questo articolo parleremo di quali funzionalità della lavastoviglie possono aumentare in modo significativo il consumo di energia e di come risparmiare denaro semplicemente evitando di abilitare questa opzione.

I diversi programmi di lavaggio e il loro impatto sul consumo energetico

Una lavastoviglie generalmente offre diversi programmi di lavaggio, ognuno dei quali ha le proprie caratteristiche, durate e temperature. Scegliere il programma giusto è quindi fondamentale per garantire un lavaggio efficace ottimizzando i consumi energetici.

Leggi anche :  Puoi davvero mangiare cibo con macchie di muffa? Ecco la risposta di questi esperti!

Programma intensivo o automatico

Questo programma è progettato per pulire stoviglie molto sporche o incrostate. Utilizza temperature elevate (da 60°C a 70°C) e spesso dura dalle due alle tre ore. Sebbene sia molto efficace per pulire pentole e altri utensili, questo programma è anche quello che consuma più energia.

Programma normale o ecologico

Questo programma è considerato il più efficiente dal punto di vista energetico. Lava le stoviglie a temperature comprese tra 50°C e 55°C e può durare tra 1h30 e 2h30 a seconda del modello. Questa modalità di lavaggio è adatta per stoviglie normalmente sporche e garantisce un notevole risparmio energetico rispetto al programma intensivo.

Programma rapido o espresso

Questo programma è progettato per lavare velocemente piccole quantità di stoviglie poco sporche. Funziona generalmente con temperature comprese tra 40°C e 45°C e dura solo da 30 minuti a 1 ora. Sebbene consumi meno energia rispetto ad altri programmi, non è consigliato per l’uso quotidiano perché è meno efficace nella rimozione dello sporco incrostato.

Leggi anche :  Secondo uno studio, fare pipì da seduti come un uomo fa molto meglio alla salute

Il programma da evitare per risparmiare energia: La funzione prerisciacquo

La maggior parte delle lavastoviglie offre anche una funzione di prerisciacquo che risciacqua brevemente i piatti prima di procedere con il ciclo di lavaggio completo. Questa funzione potrebbe sembrare utile se utilizzata con stoviglie molto sporche. Tuttavia, ciò comporta un ulteriore consumo di acqua ed energia che potrebbe essere evitato.

Come funziona il prerisciacquo?

Il prelavaggio è a ciclo di risciacquo breve che consente di rimuovere i residui di cibo prima di avviare il programma di lavaggio principale. Questo ciclo utilizza acqua a bassa temperatura e dura circa 10 minuti a seconda del dispositivo.

Perché evitare la funzione prerisciacquo?

  • Consumo d’acqua : Il programma di prelavaggio utilizza un volume d’acqua aggiuntivo fino a 12 litri per ciclo. A seconda di quanti lavaggi fai a settimana, questo consumo può aumentare rapidamente.
  • Consumo di energia : Il prelavaggio, pur funzionando a bassa temperatura, richiede comunque il riscaldamento dell’acqua utilizzata. Pertanto, riducendo o eliminando questa funzione, è possibile risparmiare energia a lungo termine.
  • Efficienza: La maggior parte delle lavastoviglie moderne sono dotate di sensori del suolo che regolano automaticamente la durata del ciclo di lavaggio e la temperatura in base al carico. Pertanto non sempre è necessario il prerisciacquo per ottenere risultati ottimali.
Leggi anche :  Ecco le 3 piante aromatiche da mettere vicino alle finestre quest'estate per tenere lontane le zanzare

Consigli pratici per massimizzare l’efficienza della tua lavastoviglie senza attivare il prerisciacquo

Vuoi risparmiare energia con la tua lavastoviglie mantenendo comunque i piatti puliti? Ecco alcuni suggerimenti per arrivarci:

  • Raschiare e pulire preventivamente i piatti: Prima di mettere le stoviglie in lavastoviglie, ricordatevi di rimuovere eventuali residui di cibo con una spatola o con della carta assorbente. Ciò eviterà che lo sporco si depositi sul fondo dell’apparecchio e ne migliorerà quindi l’efficienza.
  • Carica correttamente la tua lavastoviglie: Disporre sistematicamente gli utensili con le parti più sporche rivolte verso i getti d’acqua, facendo attenzione a non sovraccaricare l’apparecchio in modo che l’acqua possa circolare liberamente tra gli oggetti.
  • Scegli il programma giusto: Scegli il programma eco per i tuoi lavaggi quotidiani e riserva i programmi intensivo o express per situazioni eccezionali.

Per risparmiare energia con la vostra lavastoviglie, è consigliabile evitare la funzione di prerisciacquo. Unendo questi consigli ad una regolare manutenzione del vostro elettrodomestico, potrete ottenere stoviglie sempre pulite riducendo al contempo il consumo energetico.

Foto dell'autore
Informazioni sull'autore, Emma Moretti
Emma è un'autrice affascinata dall'attualità in tutte le sue forme, con un interesse particolare per l'esoterismo e la psicologia. I suoi scritti esplorano come gli eventi mondiali si intrecciano con i misteri della mente umana. Dotata di un talento per decifrare le sfumature sottili dell'attualità e collegarle a concetti psicologici ed esoterici, Emma offre ai suoi lettori prospettive uniche e approfondite. Si distingue per la sua capacità di rendere l'attualità e i temi complessi accessibili e avvincenti, condividendo con entusiasmo le sue scoperte e analisi per illuminare un vasto pubblico.
Pagina principale » Notizie » Lavastoviglie: risparmia davvero energia evitando di attivare questa funzione!