I puntini sulle fragole non sono semi, quindi cosa sono?

Pubblicato su
di Emma Moretti

Tra i frutti più apprezzati troviamo senza dubbio le fragole. Questi deliziosi frutti rossi sono delle vere e proprie piccole meraviglie del gusto che donano un tocco dolce e rinfrescante ai nostri piatti e dessert. Ma hai mai prestato davvero attenzione al loro aspetto? Ti sei chiesto cosa significano questi piccoli piccoli punti presente sulla superficie delle fragole? Se pensi che siano semi, lo chiariremo in questo articolo.

Cos’è allora un seme?

Prima di risolvere questo mistero che circonda le fragole, ricordiamo innanzitutto cos’è un seme per comprenderne meglio il ruolo. Un seme è in realtà il risultato della riproduzione sessuale delle piante. Permette la propagazione della specie e rappresenta un punto di partenza per lo sviluppo di un nuovo individuo. I chicchi (o semi) che si trovano in alcuni altri frutti come le mele o l’uva sono infatti i loro semi.

Leggi anche :  Ecco le 3 piante aromatiche da mettere vicino alle finestre quest'estate per tenere lontane le zanzare

Sorpresa! I piccoli punti sulle fragole non sono semi

Contrariamente alla credenza popolare, i puntini presenti sulle fragole non lo sono non semi. Allora, di cosa si tratta esattamente? Per capirlo è necessario conoscere un po’ di botanica e guardare la classificazione dei frutti. La fragola è in realtà un falso frutto, o più precisamente un poliakene.

Le fragole e la loro vera natura: gli aceni

Questi piccoli punti che ricoprono la superficie delle fragole si chiamano acene. Questi sono i veri semi della pianta, racchiusi in un piccolo sacchetto che accompagna ciascuno di essi. Gli aceni sono distribuiti su quello che comunemente chiamiamo il frutto, ma che in realtà non lo è! Infatti, la parte rossa e carnosa che apprezziamo tanto per il suo sapore dolce si sviluppa dal ricettacolo floreale (la parte del fiore che sostiene gli organi riproduttivi) e non dall’ovaio del fiore, come avviene per la maggior parte di altri frutti.

L’anatomia di una fragola

Per visualizzare meglio questi elementi, ecco una descrizione della struttura interna di una fragola:

  • Recipiente floreale : è la parte inferiore ingrossata del fusto fiorale che porta gli organi riproduttivi (stami e carpelli). Quando matura si gonfia e diventa carnoso, formando così il “falso frutto”.
  • Aceni : sono i numerosi piccoli semi allungati che sono sparsi sulla superficie della parte carnosa e rossa del ricettacolo floreale. Ogni acene presenta una finissima peluria che ne facilita la dispersione.
  • Giù : questa parte degli aceni è costituita da minuscoli peli detti tricomi. Questi promuovono la dispersione dei semi e sono generalmente innocui per l’uomo se ingeriti.
Leggi anche :  Secondo uno studio, fare pipì da seduti come un uomo fa molto meglio alla salute

Le diverse varietà di fragole e il loro numero di aceni

Esiste un numero incredibile di varietà di fragole nel mondo, con differenze di gusto, dimensione e persino colore. Possiamo anche notare variazioni nel numero di aceni su ciascuna di queste varietà:

  1. Varietà Fragaria vesca (fragola di bosco): questa specie originaria dell’Europa conta tra i 100 ed i 200 aceni per frutto.
  2. Varietà Fragaria x ananassa (fragola coltivata): la fragola che troviamo maggiormente nei nostri piatti ha in media 300 aceni per frutto.
  3. Varietà Fragaria virginiana (Fragola americana): questa varietà, ancora poco conosciuta in Francia, conta dai 400 ai 450 aceni per frutto.

Il ruolo degli aceni nella riproduzione della fragola

Come accennato in precedenza gli aceni sono i veri semi della pianta e servono quindi per la sua riproduzione. Durante l’impollinazione, il polline degli stami viene trasferito ai carpelli dei fiori fecondati. Successivamente gli ovuli presenti nei carpelli vengono fecondati e si sviluppano in aceni.

Leggi anche :  Puoi davvero mangiare cibo con macchie di muffa? Ecco la risposta di questi esperti!

Una volta formati gli aceni la pianta si affida diffusione per propagare la sua specie. La piuma presente su ogni acene facilita questa diffusione, in particolare grazie al vento o agli animali. Così, quando gli animali mangiano le fragole e digeriscono la parte carnosa, gli aceni passano intatti attraverso il loro tratto digestivo e finiscono nelle feci. Ciò consente a nuove piante di crescere lontano dall’individuo genitore e aumentare la biodiversità della specie.

Perché oggi le fragole ci svelano i loro segreti?

È una domanda legittima: perché hai aspettato così tanto tempo per spiegare questo fenomeno? In realtà il mondo vegetale nasconde ancora tanti misteri che aspettano solo di essere scoperti. Piccole cose come quei puntini sulle fragole meritano la nostra attenzione tanto quanto le scoperte più grandi. Cercare di capire come funziona il nostro ambiente naturale contribuisce alla nostra comprensione complessiva del mondo vivente e ci rende consapevoli della diversità delle forme e delle funzioni adottate dagli esseri viventi sulla Terra. Inoltre, conoscere le specificità dei nostri cibi preferiti porta innegabile soddisfazione personale e alimenta la nostra infinita curiosità per la natura.

Foto dell'autore
Informazioni sull'autore, Emma Moretti
Emma è un'autrice affascinata dall'attualità in tutte le sue forme, con un interesse particolare per l'esoterismo e la psicologia. I suoi scritti esplorano come gli eventi mondiali si intrecciano con i misteri della mente umana. Dotata di un talento per decifrare le sfumature sottili dell'attualità e collegarle a concetti psicologici ed esoterici, Emma offre ai suoi lettori prospettive uniche e approfondite. Si distingue per la sua capacità di rendere l'attualità e i temi complessi accessibili e avvincenti, condividendo con entusiasmo le sue scoperte e analisi per illuminare un vasto pubblico.
Pagina principale » Notizie » I puntini sulle fragole non sono semi, quindi cosa sono?