Ecco cosa significa dormire con le braccia incrociate, secondo gli esperti del sonno

Pubblicato su
di Emma Moretti

Dormire è un’attività vitale per il nostro organismo. Tuttavia, ognuno di noi ha le proprie abitudini e posizioni durante il sonno. Tra queste, molto comune è la posizione delle braccia incrociate durante il sonno, ma pochi studi hanno approfondito questo argomento. Abbiamo quindi esplorato le diverse competenze per comprendere meglio le implicazioni di questa posizione sul nostro riposo notturno.

Una posizione istintiva

Proprio come l’abitudine di rannicchiarsi nel piumone, dormire con le braccia incrociate potrebbe essere un comportamento imparato fin da piccoli. Uno studio condotto da ricercatori austriaci dimostra che questa posizione è abbastanza comune tra i neonati, che spesso trascorrono la maggior parte del tempo dormendo con le braccia incrociate. Ma perché preferiamo questa posizione rispetto ad un’altra?

Sentirsi sicuri

Una delle ragioni addotte per spiegare questa preferenza è la sensazione di sicurezza che fornisce. Avvolgere le braccia attorno al corpo, infatti, aumenterebbe la nostra sensazione di protezione e conforto. Anche gli esperti del sonno lo supportano affermando che dormire con le braccia incrociate riproduce il calore che si ottiene dormendo rannicchiati contro qualcuno, aumentando così il nostro senso di sicurezza.

Leggi anche :  Decifra il tuo comportamento romantico attraverso ciò che noti per primo in questa immagine

Regolazione della temperatura

Dormire con le braccia incrociate può essere anche un trucco per regolare la temperatura corporea. Infatti, tenere le braccia vicine al petto e attorno allo stomaco aiuta a ridurre la perdita di calore, il che potrebbe spiegare perché questa posizione è particolarmente apprezzata nelle notti fredde.

Mantenimento della neutralità spinale

Un altro argomento a favore dell’adozione di questa postura durante il sonno è che garantirebbe il mantenimento di una posizione neutra della colonna vertebrale. Dato che le nostre braccia sono libere e flessibili, il loro posizionamento a livello del torace equilibrerebbe il nostro peso corporeo e quindi favorirebbe una migliore qualità del sonno.

Conseguenze potenzialmente dannose

Nonostante questi apparenti benefici, dormire con le braccia incrociate presenterebbe anche alcuni rischi e disagi. Ne abbiamo individuati alcuni:

  1. Intorpidimento degli arti superiori
  2. Disturbi della circolazione sanguigna
  3. Contratture muscolari
  4. Dolore al risveglio
Leggi anche :  Decifra il tuo comportamento romantico attraverso ciò che noti per primo in questa immagine

Cause e meccanismi

Intorpidimento o disturbi circolatori di solito derivano dalla compressione prolungata delle nostre braccia sui vasi sanguigni e sui nervi periferici. Inoltre, questa postura può anche favorire la comparsa di dolore e fastidio al collo o alla schiena durante la notte. È quindi fondamentale assicurarsi di adottare una posizione che favorisca il rilassamento e la distensione muscolare.

La CBT-I come potenziale soluzione

Per le persone che hanno difficoltà a trovare una posizione comoda per dormire, la terapia cognitivo comportamentale per l’insonnia (CBT-I) potrebbe essere una possibile risposta. Questo approccio terapeutico prevede la determinazione delle cause alla base dell’insonnia e l’utilizzo di diverse tecniche per migliorare la qualità del sonno. Tra questi metodi troviamo:

  • Rilassamento muscolare progressivo
  • Controllo dello stimolo
  • Ottimizzare la camera da letto
  • Educazione e gestione del sonno
Leggi anche :  Applica queste 13 regole per avere successo nella vita, secondo questo famoso psicologo americano

Pertanto, se hai difficoltà ad addormentarti o soffri regolarmente di dolori mattutini a causa della tua postura durante il sonno, ti consigliamo di parlare con un professionista del sonno.

Possiamo cambiare le nostre abitudini?

Adattare le proprie abitudini di sonno non è facile, soprattutto quando si tratta di posizioni stabilite fin dall’infanzia. Esistono però alcuni consigli per favorire una postura meno costrittiva per il nostro corpo:

  • Sdraiati su un fianco invece di stare sulla schiena o sullo stomaco
  • Utilizzare un cuscino a forma di U per sostenere le braccia e mantenerle sopra il livello del cuore per migliorare la circolazione sanguigna
  • Adottare tecniche di rilassamento muscolare prima di andare a dormire per favorire una posizione naturale del corpo durante il sonno

Tuttavia, vale la pena ricordare che ogni individuo è unico e ciò che può essere utile per alcuni potrebbe non avere necessariamente gli stessi effetti per altri. Gli esperti consigliano quindi di prendere in considerazione le nostre abitudini e sensazioni per determinare se questa postura è dannosa o meno per la qualità del sonno.

Foto dell'autore
Informazioni sull'autore, Emma Moretti
Emma è un'autrice affascinata dall'attualità in tutte le sue forme, con un interesse particolare per l'esoterismo e la psicologia. I suoi scritti esplorano come gli eventi mondiali si intrecciano con i misteri della mente umana. Dotata di un talento per decifrare le sfumature sottili dell'attualità e collegarle a concetti psicologici ed esoterici, Emma offre ai suoi lettori prospettive uniche e approfondite. Si distingue per la sua capacità di rendere l'attualità e i temi complessi accessibili e avvincenti, condividendo con entusiasmo le sue scoperte e analisi per illuminare un vasto pubblico.
Pagina principale » Psicologia » Ecco cosa significa dormire con le braccia incrociate, secondo gli esperti del sonno