Come pulire la lavastoviglie in 3 semplici passaggi?

Pubblicato su
di Emma Moretti

In questo articolo ti mostreremo come pulire una lavastoviglie in 3 semplici passaggi per mantenerla funzionante e prolungarne la durata. In questo modo eviterai spiacevoli sorprese come odori sgradevoli o stoviglie scarsamente lavate.

Passaggio 1: uno sguardo ai filtri

Per cominciare, è essenziale controllare e pulire regolarmente i filtri della lavastoviglie. Questi elementi, infatti, hanno il ruolo di trattenere i residui di cibo durante il ciclo di lavaggio in modo che non si depositino sulle stoviglie pulite o intasino i tubi dell’acqua. Pertanto, una manutenzione regolare dei filtri consente di ottimizzare il processo di lavaggio ed evitare cattivi odori nell’apparecchio.

Controllo dei filtri

Per verificare lo stato dei filtri è sufficiente aprire la porta della lavastoviglie e posizionarli sul fondo della vasca, sotto il braccio di lavaggio inferiore. Dovresti trovare una serie di filtri che devono essere rimossi in modo che possano essere puliti.

  1. Smontare con attenzione il sistema di filtraggio seguendo le istruzioni fornite dal produttore. In genere ciò comporta semplicemente girare un oggetto e sollevarlo.
  2. Dopo aver rimosso i filtri, ispezionarli per verificarne le condizioni. Se presentano detriti o residui attaccati, è ora di pulirli.
Leggi anche :  Le misteriose macchie nere sul parabrezza della tua auto: scopri il loro reale utilizzo!

Pulizia dei filtri

La pulizia dei filtri generalmente non richiede prodotti specifici; per rimuovere i residui di cibo sono sufficienti acqua calda e una spazzolina. Per una pulizia ancora più efficace è possibile utilizzare aceto biancoche possiede anche proprietà disinfettanti e anticalcare.

  1. Riempi un lavandino o un grande contenitore con acqua calda mescolata con un bicchiere di aceto bianco.
  2. Immergere i filtri nella miscela per circa 15 minuti.
  3. Successivamente spazzolare accuratamente i filtri utilizzando una spazzola per rimuovere tutti i residui.
  4. Sciacquare i filtri con acqua pulita prima di rimetterli in lavastoviglie.

Passaggio 2: aceto bianco per decalcificare

Ora che i filtri sono puliti, è il momento di occuparsi della decalcificazione della lavastoviglie. Il calcare, infatti, può accumularsi sulle pareti e sui bracci di lavaggio, compromettendo così la qualità del lavaggio e la durata dell’apparecchio.

Leggi anche :  Le misteriose macchie nere sul parabrezza della tua auto: scopri il loro reale utilizzo!

L’aceto bianco è un formidabile alleato per eliminare il calcare. Ecco come usarlo:

  1. Versa un bicchiere di aceto bianco sul fondo della lavastoviglie vuota, evitando di metterlo direttamente nel cassetto del brillantante.
  2. Eseguire un ciclo di lavaggio a vuoto (senza stoviglie) sul programma più caldo possibile. L’azione dell’aceto bianco durante questo ciclo decalcifica e disinfetta l’interno dell’apparecchiatura.

Passaggio 3: bicarbonato di sodio per finalizzare l’intervista

Per completare la pulizia profonda della tua lavastoviglie, il bicarbonato di sodio sarà di grande aiuto. Infatti è ideale per eliminare gli odori persistenti grazie alle sue proprietà assorbenti e igienizzanti.

  1. Cospargi circa due cucchiai di bicarbonato di sodio sul fondo della vasca della lavastoviglie. Assorbirà gli odori residui e darà alla lavastoviglie una freschezza extra.
  2. Avviare nuovamente un ciclo di lavaggio a vuoto. Questo passaggio risciacquerà anche i condotti che potrebbero contenere tracce di aceto e bicarbonato.
Leggi anche :  Questo ingrediente magico attirerà molti uccelli nel tuo giardino nel marzo 2024

Bonus: Consigli per una lavastoviglie sempre pulita

  • Pulisci regolarmente le guarnizioni del tuo dispositivo: anche le fughe favoriscono l’accumulo di sporco, ricordatevi quindi di pulirle utilizzando una spugna e aceto bianco.
  • Regolare la quantità di sale e brillantante: a seconda della durezza dell’acqua e del modello della lavastoviglie, potrebbe essere necessario regolare la quantità di questi prodotti per evitare depositi sulle stoviglie.
  • Seleziona i programmi adatti ai tuoi piatti: Non esitate a utilizzare cicli più lunghi o più caldi se i piatti sono particolarmente sporchi o unti. Infatti, cicli brevi o economici potrebbero non essere sufficienti a garantire una pulizia ottimale e richiederanno quindi una maggiore manutenzione per il tuo dispositivo.
  • Fai funzionare regolarmente la tua lavastoviglie: evitare di lasciare l’apparecchio inutilizzato per un lungo periodo poiché ciò favorisce lo sviluppo di cattivi odori e muffe. Se stai andando in vacanza, ad esempio, valuta di eseguire un ciclo a vuoto prima del tuo ritorno per rinfrescare la lavastoviglie.

Seguendo questi semplici passaggi e consigli di manutenzione, otterrai il massimo dalla tua lavastoviglie ed eviterai problemi di funzionamento legati alla mancata manutenzione. Quindi non aspettare oltre, prendi un po’ di aceto bianco e bicarbonato di sodio e inizia!

Foto dell'autore
Informazioni sull'autore, Emma Moretti
Emma è un'autrice affascinata dall'attualità in tutte le sue forme, con un interesse particolare per l'esoterismo e la psicologia. I suoi scritti esplorano come gli eventi mondiali si intrecciano con i misteri della mente umana. Dotata di un talento per decifrare le sfumature sottili dell'attualità e collegarle a concetti psicologici ed esoterici, Emma offre ai suoi lettori prospettive uniche e approfondite. Si distingue per la sua capacità di rendere l'attualità e i temi complessi accessibili e avvincenti, condividendo con entusiasmo le sue scoperte e analisi per illuminare un vasto pubblico.
Pagina principale » Notizie » Come pulire la lavastoviglie in 3 semplici passaggi?