Home

La struttura

Dove siamo

Il residence

Il campeggio

I servizi

I prezzi

Da vedere

Contatti

 
  Offerte speciali
  Convenzioni e Last Minute
  Manifestazioni
  Download listini
  Regolamento
  Bronzi di Riace
  MUSABA
 


 

Men l'altro s'alza contrapposto scoglio
E il dardo tuo ne colpirìa la cima.
Grande verdeggia in questo e d'ampie foglie
Selvaggio fico; e alle sue falde assorbe
La temuta Cariddi il negro mare.
Tre fiate il rigetta, e tre nel giorno
L'assorbe orribilmente. Or tu a Cariddi
Non t'accostar mentre il mar negro inghiotte;
Ché mal saprìa dalla ruina estrema
Nettuno stesso dilivrarti.
(Odissea, XII, 131-140).


CARIDDI era una ninfa, figlia di Poseidone (il mare) e di Gea (la terra) ed era continuamente tormentata da una grande voracità. Si narra che avrebbe rubato e divorato i buoi di Eracle che era passato dallo Stretto di Messina con l'armento di Gerione e che Zeus, per punirla, l'avrebbe tramutata in un orribile mostro. Tre volte al giorno Cariddi ingurgitava enormi masse d'acqua con tutto ciò che in esse si trovava, inghiottendo le navi che si avventuravano nei suoi paraggi, poi vomitando l'acqua assorbita.
 


Il villaggio MARIS è segnalato da:

 

 
  FOTO GALLERY clicca sulle foto per ingrandirle    
 
 
   
 
   
 
   
 
 
 
   
 
     
    < Pagina precedente   Pagina successiva >     

 
 
 

 Home

 La struttura

 Dove siamo

 Il residence

 Il campeggio

 I servizi

 I prezzi

 Da vedere

 Contatti

 

MARIS - Contrada Mortelletto s.n.c. - 89844 Nicotera Marina (VV) - tel. 0963 887834 - 347 2202387 - P.IVA 02635490796 - Privacy