Home

La struttura

Dove siamo

Il residence

Il campeggio

I servizi

I prezzi

Da vedere

Fotogallery

 
  Offerte speciali
  Convenzioni e Last Minute
  Manifestazioni
  Contatti
  Download listini
  Regolamento
  MUSABA
 


 

BIGLIETTI E COSTO

L'entrata al Museo è a pagamento: 8 Euro il biglietto intero, 3 Euro il biglietto ridotto per i visitatori dai 18 ai 25 anni. I visitatori di età inferiore ai 18 anni entrano gratuitamente.
Mercoledì: 6 Euro il biglietto intero e 4 Euro quello ridotto.
Il sabato dalle ore 20,00 alle ore 23,00 il costo del biglietto è 3 Euro.
Alcune mostre temporanee possono avere un costo aggiuntivo rispetto al biglietto d'ingresso anche per i visitatori esenti.

 


 

ORARIO DI APERTURA

Il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria è aperto al pubblico dalle ore 9:00 alle 20:00, l'ultimo ingresso alle ore 19:30, tutti i giorni da martedì a domenica.
Nel periodo estivo, 25 giugno al 24 settembre 2016, il Museo resta aperto ogni sabato dalle ore 20:00 alle 23:00, oltre il normale orario di apertura.
Il Museo resta chiuso nel giorno di lunedì.

 


 

ACCESSO ALLA SALA BRONZI

L'accesso alla Sala dei Bronzi di Riace è consentito solo a gruppi di massimo venti persone alla volta ed è soggetto a limitazioni di tempo, secondo il seguente programma:
- sosta di circa 20 minuti nella sala pre-filtro, durante i quali un video intratterrà il pubblico con aggiornamenti sullo stato della ricerca sui Bronzi di Riace;
- sosta di circa 3 minuti nella sala filtro;
- visita ai Bronzi di circa 20 minuti;
- uscita.

Orari di entrata: dalle ore 9:10 ogni venti minuti, indicativamente ogni ora ai 10, ai 30 e ai 50 minuti.

 

 
 

 
  IL FASCINO DEI BRONZI DI RIACE  
 
 

 

Dopo più di quarant'anni dal loro ritrovamento, avvenuto il 16 agosto del 1972, i Bronzi di Riace hanno ancora un fascino intramontabile, tanto da richiamare l'attenzione di tantissimi turisti. E dopo quattro anni di restauro conservativo, avvenuto in un'apposita sala del Consiglio regionale della Calabria, i due guerrieri sono tornati nella loro "casa" naturale, il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria. Il sofisticato restauro delle statue era materialmente terminato nel 2011, ma i Bronzi erano rimasti nell'ambiente climatizzato di Palazzo Campanella in attesa dell'ultimazione dei lavori al Museo.

 
 

La storia contemporanea dei Bronzi di Riace ha inizio il 16 agosto del 1972. A ritrovare le due statue, a 300 metri dalla spiaggia di Riace, sulla costa jonica reggina, fu il sub dilettante Stefano Mariottini. La sua attenzione si concentrò subito sul braccio sinistro di quella che fu denominata statua A, raffigurante il guerriero più giovane, che emergeva dalla sabbia sul fondo del mare. Per sollevare e recuperare i due capolavori, i carabinieri del nucleo sommozzatori utilizzarono un pallone gonfiato con l'aria delle bombole. Il 21 agosto fu recuperata la statua B, che raffigura il guerriero più anziano, ed il giorno successivo toccò all'altra. Sin da subito ci si rese conto della straordinaria scoperta, che rappresenta una delle poche testimonianze dirette dei maestri scultori del mondo greco classico.

 
 

Tre anni dopo il loro ritrovamento e dopo i primi accertamenti, i due guerrieri furono inviati nel centro di restauro della Soprintendenza archeologica della Toscana, a Firenze. E proprio in quel centro i guerrieri ricevettero le prime cure ed il primo restauro. Nel 1980, in virtù della loro straordinaria bellezza, l'allora Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, decise di far esporre i due bronzi di Riace al Quirinale.

 

 
 IL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI REGGIO CALABRIA  
     
 

La sua istituzione fu promossa dal sovrintendente Paolo Orsi e rappresenta uno dei musei più prestigiosi d'Italia per la quantità delle testimonianze della Magna Grecia presenti. Inaugurato nel 1959, oggi rappresenta il punto di partenza per la scoperta archeologica della Calabria. Il Museo è stato oggetto nel corso degli anni di trasformazioni di grossa portata; un particolare intervento si è reso necessario per la nuova collocazione dei Bronzi di Riace, dopo il loro restauro a Palazzo Campanella.

 
 

La sede che lo ospita, affacciata sulla centrale Piazza De Nava e a breve distanza dall'imbocco del Lungomare «Italo Falcomatà», è un edificio progettato, fra i primi in Italia, ai soli fini dell'esposizione museale; è opera di Marcello Piacentini, uno dei massimi architetti italiani del periodo fascista, che lo concepì in chiave moderna dopo aver visitato i principali musei d'Europa.
Il 30 aprile 2016, dopo anni di lunghe e travagliate ristrutturazioni, il Museo è stato completamente riaperto ed è tornata ad essere visibile l'intera collezione di reperti che spazia dal paleolitico all'età magnogreca. Oltre ai Bronzi di Riace, altre importantissime sculture in bronzo, come le due teste del V secolo avanti Cristo ritrovate a Porticello, nello Stretto di Messina, e una quantità di sculture in marmo e terracotta d'altissimo valore, tutte provenienti dalla Calabria, fra cui le pinakes, "tavolette" votive dell'antica Locri, di qualità stilistica straordinaria, ed il Kouros di Reggio, una statua alta 90 centimetri in marmo statuario di Paros datato al VI secolo a.C.

 
   COME RAGGIUNGERE IL MUSEO  
     
 
 

 

 

DALLA STAZIONE FERROVIARIA

 
 

Uscendo dalla stazione di "Reggio Calabria Lido", vi trovate in piazza Indipendenza; attraversando la piazza, imboccate via Vollaro (la strada che sale) e subito, alla vostra sinistra, trovate il Museo.
Uscendo dalla stazione di "Reggio Calabria Centrale", vi trovate in piazza Garibaldi; attraversando la piazza, girate a sinistra, immettendovi sul corso Vittorio Emanuele; continuate fino alla fine e subito, alla vostra sinistra, trovate il Museo.

 
 


DALL'AUTOSTRADA A3 SALERNO-REGGIO CALABRIA
Se siete in macchina, seguite le indicazioni per l'uscita Nord del porto, poi seguite le indicazioni per la tangenziale verso il centro; una volta entrati in città proseguite lungo viale Genovese Zerbi; arrivati alla Rotonda di Piazza Indipendenza, seguite il percorso della rotatoria e proseguite in via Vollaro (la strada che sale) e subito, alla vostra sinistra, trovate il Museo.

 
     
     
    Clicca per visitare il sito web del  "MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE" .  

 

 
 
 

 Home

 La struttura

 Dove siamo

 Il residence

 Il campeggio

 I servizi

 I prezzi

 Da vedere

 Fotogallery

 

MARIS - Contrada Mortelletto s.n.c. - 89844 Nicotera Marina (VV) - tel. 0963 887834 - 347 2202387 - P.IVA 02635490796 - Privacy